L’Oro verde di Bronte

Il pistacchio è stato originariamente importato dagli arabi ma si è adattato perfettamente nel suolo vulcanico dell’Etna. Lo chiamano oro verde per le preziose proprietà che contiene questo frutto secco; ricco di sostanze antiossidanti, vitamina A, ferro, fosforo e acidi grassi insaturi, nutrienti utili per la nostra salute. Per non parlare del gusto, così particolare da farne un’ingrediente delizioso, molto amato e utilizzato in cucina, sopratutto nella pasticceria tipica siciliana, sotto forma di granella o per la preparazione di creme. Il pistacchio di Bronte oggi è considerato il migliore al mondo per le proprietà organolettiche e nel 2009 è stato dichiarato DOP, ovvero a denominazione di origine protetta. Per essere tale deve rispettare diversi requisiti, tra cui la zona di produzione, compresa tra Bronte, Adrano e Biancavilla, che deve essere contraddistinta da un suolo di origine vulcanica. La coltivazione e la produzione di pistacchio rappresenta per Bronte, paese della provincia di Catania un’importante fonte di reddito, tanto da essere soprannominato l’Oro Verde, per il suo alto valore commerciale. La città di Bronte ha saputo sfruttare questo vantaggio, infatti nel suo territorio si contano circa 5000 produttori, la maggior parte con appezzamenti di circa 1 ettaro cadauno, nonché qualche grosso produttore con un multiplo di ettari. Il frutto raccolto viene in genere smallato ed asciugato ad opera del produttore stesso, che poi vende il suo pistacchio in guscio alle aziende esportatrici (circa il 60% viene esportato all’estero, mentre il 40% trova impiego nell’industria nazionale e in molte nuove aziende locali che lo trasformano in crema, pesto, torrone che negli ultimi anni sono esplosi nel mercato italiano). Vi sono circa una ventina di aziende della lavorazione del pistacchio, alcune ottimamente attrezzate e tecnologicamente avanzate, che si occupano della lavorazione successiva e della commercializzazione, anche online, in Europa e in altri paesi extraeuropei. Complessivamente l’Oro Verde produce annualmente una ricchezza di circa 35/40 milioni di euro. Il Pistacchio di Bronte DOP è coltivato nel comune Bronte, e in quelli di Adrano e Biancavilla a precise altezze e terreni indicati nel disciplinare del DOP, tra i 400 e i 900 m. Nei territori di Bronte, Adrano e Biancavilla, in oltre 3500 ettari di terreno, c’è il 90 % della produzione Siciliana (3500 tonnellate nel 2012) e rappresenta lo 0,25 % della quantità prodotta nel mondo

Specialità gastronomiche al pistacchio
assaggiate le pennette al pesto di pistacchio, gli/le arancini/e al pistacchio, la salsiccia condita con finocchietto selvatico e pistacchio. Se siete amanti dei dolci, non rimarrete delusi non perdete i cannoli con crema di pistacchio e fate scorta di cioccolato al pistacchio.